Biblioteca di droga

Penicillamina (Depen®, Cuprimine®) per cani e gatti

Penicillamina (Depen®, Cuprimine®) per cani e gatti

Panoramica sulla penicillamina per cani e gatti

  • La penicillamina, comunemente nota con i marchi Depen® o Cuprimine®, viene utilizzata per cani e gatti per il trattamento di malattie del fegato, avvelenamento da piombo e calcoli renali e vescicali.
  • L'accumulo di determinati metalli all'interno del corpo può provocare gravi malattie e lesioni agli organi. La rimozione di questi metalli può essere cruciale per il trattamento di avvelenamenti da metalli pesanti.
  • I metalli più comuni che si accumulano nel corpo e che portano a malattie (tossicità) sono rame, piombo, ferro e mercurio.
  • La penicillamina appartiene a un gruppo di farmaci noti come agenti chelanti.
  • La penicillamina è un sottoprodotto della penicillina antibiotica; tuttavia, la penicillamina non ha proprietà antibiotiche.
  • La penicillamina è un farmaco di prescrizione e può essere ottenuta solo da un veterinario o da una prescrizione veterinaria.
  • Questo farmaco non è approvato per l'uso negli animali dalla Food and Drug Administration ma è prescritto legalmente dai veterinari come farmaco extra-label.
  • Nomi di marca e altri nomi di penicillamina

  • Questo farmaco è registrato per l'uso solo nell'uomo.
  • Formulazioni umane: Depen® (Wallace), Cuprimine® (Merck)
  • Formulazioni veterinarie: nessuna
  • Usi di penicillamina per cani e gatti

  • La penicillamina è utilizzata nel trattamento delle malattie del fegato causate dall'accumulo o dalla conservazione anormale del rame.
  • Il farmaco è anche usato nel trattamento dell'avvelenamento da piombo.
  • La penicillamina è anche usata per trattare i calcoli renali e vescicali (urolitiasi) a causa di anomalie nel metabolismo della cistina (un aminoacido).
  • La penicillamina viene raramente utilizzata per trattare altri avvelenamenti da metalli pesanti (mercurio, ferro) in quanto vi sono agenti chelanti migliori disponibili per questi.
  • Precauzioni ed effetti collaterali

  • Sebbene generalmente sicura ed efficace quando prescritta da un veterinario, la penicillamina può causare effetti collaterali in alcuni animali.
  • La penicillamina non deve essere utilizzata in animali con nota ipersensibilità o allergia al farmaco.
  • La penicillamina può interagire con altri farmaci. Consulta il tuo veterinario per determinare se altri farmaci che il tuo animale sta ricevendo potrebbero interagire con la penicillamina. Tali farmaci includono alcuni antiacidi, azatoprina e ciclofosfamide.
  • Possono verificarsi difetti alla nascita se la penicillamina viene somministrata ad animali in gravidanza.
  • Nausea e vomito sono gli effetti collaterali più comuni associati alla penicillamina.
  • Gli effetti avversi rari includono febbre, insufficienza renale, reazioni cutanee o disturbi del sangue.
  • Come viene fornita la penicillamina

  • La penicillamina è disponibile in compresse o capsule da 125 mg e 250 mg.
  • Informazioni sul dosaggio di penicillamina per cani e gatti

  • I farmaci non devono mai essere somministrati senza prima consultare il veterinario.
  • La penicillamina viene generalmente somministrata da 5 a 7 mg per libbra (15 mg / kg), per via orale, due volte al giorno per tossicità correlata al rame.
  • Per l'avvelenamento da piombo, la penicillamina viene dosata ad una dose giornaliera da 15 a 50 mg per libbra (da 30 a 110 mg / kg) al giorno. Questa dose totale è divisa in tre o quattro dosi durante il giorno ed è attentamente controllata da un veterinario.
  • La penicillamina viene generalmente somministrata per diverse settimane o mesi. Alcuni animali possono richiedere un ciclo di trattamento ancora più lungo.
  • La durata della somministrazione dipende dalle condizioni da trattare, dalla risposta al trattamento e dallo sviluppo di eventuali effetti avversi. Assicurati di completare la prescrizione se non diversamente indicato dal veterinario. Anche se il tuo animale si sente meglio, l'intero piano di trattamento deve essere completato per prevenire la ricaduta.
  • Farmaci epatici

    ->

    (?)

    Gastroenterologia e malattie digestive
    Ematologia e malattie emico-linfatiche
    Nefrologia e urologia

    ->

    (?)