Condizioni di malattie dei cani

Insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

Insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

Panoramica sull'insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

L'insufficienza cardiaca è una condizione, causata da un'anomalia nella struttura o nella funzione del cuore, in cui non è in grado di pompare normali quantità di sangue ai tessuti del corpo. Il cuore è una pompa e quando fallisce, spesso porta alla ritenzione di liquidi nei polmoni e nelle cavità del corpo portando a insufficienza cardiaca congestizia.

Esistono molte cause di insufficienza cardiaca nei cani, tra cui:

  • Difetti alla nascita (congeniti) del cuore
  • Degenerazione delle valvole cardiache
  • Malattia del muscolo cardiaco (cardiomiopatia)
  • Cardiopatia
  • Malattie del pericardio (il rivestimento attorno al cuore)
  • Ritmi elettrici irregolari dell'aritmia cardiaca

    Cani di qualsiasi età e razza possono sviluppare insufficienza cardiaca. Esiste sicuramente una predisposizione all'insufficienza cardiaca causata dalla cardiomiopatia nelle razze canine giganti. Molti cani anziani di piccola taglia sviluppano insufficienza cardiaca da una funzione anormale delle valvole cardiache mentre il tessuto della valvola degenera.

    L'insufficienza cardiaca colpisce il tuo cane riducendo la quantità di sangue che viene pompata ai muscoli, causando affaticamento. Inoltre, la maggior parte dei casi di insufficienza cardiaca è associata all'accumulo di liquido nei polmoni (edema polmonare), nella cavità toracica (versamento pleurico) o nella cavità addominale (ascite). Questo accumulo di liquidi può causare fiato corto e altri problemi come tosse e difficoltà respiratorie.

  • Cosa guardare

    Alcuni dei sintomi dell'insufficienza cardiaca e della progressione dell'insufficienza cardiaca in un cane sono correlati all'aumentata attività del sistema nervoso e all'aumento delle concentrazioni di ormoni circolanti (e sostanze chimiche correlate). Questi includono:

  • tosse
  • Mancanza di respiro
  • Respirazione difficile (dispnea)
  • Perdita di peso
  • Fatica
  • Diagnosi di insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

    Il veterinario potrebbe sospettare un CHF dopo aver esaminato il cane, ma probabilmente eseguirà diversi test diagnostici per confermare la diagnosi e la causa sottostante. I test possono includere:

  • Esame fisico generale con enfasi sull'esame con stetoscopio (auscultazione) del cuore e dei polmoni
  • Una radiografia del torace (radiografia)
  • Misurazione della pressione sanguigna
  • Un elettrocardiogramma (ECG)
  • Esame ecografico del cuore (ecocardiogramma)
  • Trattamento dell'insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

    Il trattamento per l'insufficienza cardiaca congestizia varierà a seconda della causa sottostante. Ciò può includere uno o più dei seguenti:

  • Il trattamento iniziale può richiedere il ricovero in ospedale con un diuretico, ossigeno e altri farmaci come la pasta alla nitroglicerina.
  • Un diuretico ("pillola d'acqua") come il farmaco furosemide (Lasix®)
  • Il versamento pleurico (fluido attorno ai polmoni) può richiedere la toracocentesi, che è l'inserimento di un piccolo ago per drenare parte del fluido. Questo spesso migliora la respirazione e rende il tuo cane più a suo agio.
  • La nitroglicerina, che si presenta sotto forma di una pasta, viene spesso utilizzata localmente (diffusa sull'orecchio o sull'addome o in altre aree relativamente senza peli).
  • Altri diuretici, come lo spironolattone.
  • Inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina come enalapril (Enacard) o benazepril. Questi farmaci bloccano alcuni degli ormoni dannosi che circolano nell'insufficienza cardiaca e prevengono la ritenzione di sale.
  • Una dieta che limita l'assunzione di sodio e previene la ritenzione idrica.
  • Uso di digossina (Lanoxin; Cardoxin)
  • Supplementi dietetici
  • Cura della casa

    A casa, somministrare regolarmente tutti i farmaci prescritti dal veterinario. Essere consapevoli dell'attività generale del cane, della capacità di esercizio e dell'interesse per le attività familiari. Tieni traccia del suo appetito e della sua capacità di respirare comodamente (o meno) e osserva la presenza di sintomi quali tosse o stanchezza grave.

    Non interrompere i farmaci o modificare il dosaggio senza consultare il veterinario. La maggior parte dei farmaci è per la vita del tuo cane. E non trattenere mai l'acqua, anche se il tuo animale domestico urina più del normale, a meno che non sia specificamente indicato.

    La respirazione difficile di solito è un'emergenza. Consulta immediatamente il tuo veterinario.

    In generale, l'insufficienza cardiaca non può essere prevenuta, sebbene una diagnosi precoce della causa sottostante possa fornire una migliore qualità della vita. Una volta diagnosticata, è necessario prevenire un'eccessiva attività fisica o eccitazione, evitare calore / umidità elevati ed alimenti o ossequi ad alto contenuto di sale (sodio).

    Informazioni approfondite sull'insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei caniL'insufficienza cardiaca congestizia porta a un flusso sanguigno inadeguato ai tessuti del corpo, con conseguente letargia e affaticamento. L'accumulo di liquidi spesso compromette la respirazione. Quando il liquido si accumula nei polmoni (edema polmonare) o intorno ai polmoni (versamento pleurico), la condizione può diventare pericolosa per la vita. Sebbene drammatici, i sintomi dell'insufficienza cardiaca congestizia non sono specifici solo per quella condizione.Poiché ci sono dozzine di ragioni per la tosse, difficoltà respiratorie e affaticamento; pertanto, il veterinario formulerà un piano diagnostico per fare una diagnosi corretta.

    Le condizioni più spesso confuse con insufficienza cardiaca sono malattie delle vie aeree, del polmone e della cavità toracica (spazio pleurico) tra cui:

  • Il collasso tracheale (trachea), una condizione comune nei cani di piccola taglia, porta spesso a tosse cronica.
  • La bronchite cronica nei cani è un'infiammazione dell'albero bronchiale che ricorda la tosse del fumatore degli esseri umani. La causa della maggior parte dei casi canini di bronchite non è nota, ma il trattamento è diverso rispetto all'insufficienza cardiaca.
  • La polmonite o l'infezione del polmone possono portare a sintomi simili a quelli dell'insufficienza cardiaca.
  • La fibrosi polmonare nei cani è la deposizione di tessuto cicatriziale nei polmoni. I sintomi sono simili a quelli dell'edema polmonare.
  • La cardiopatia, un'infezione parassitaria dei vasi sanguigni dei polmoni, deve essere esclusa come possibile diagnosi. Questa infezione può anche portare a insufficienza cardiaca e lesioni polmonari.
  • I tumori del torace possono causare sintomi simili a quelli dell'insufficienza cardiaca.
  • L'accumulo di liquidi all'interno della cavità toracica che circonda i polmoni (versamento pleurico) può causare respiro corto. Alcuni casi sono causati da insufficienza cardiaca, ma altri no.
  • Le cure veterinarie dovrebbero includere test diagnostici e successive raccomandazioni terapeutiche.

    Diagnosi Approfondimento dell'insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

    Sono necessari test diagnostici per diagnosticare correttamente l'insufficienza cardiaca congestizia. I test possono includere:

  • Anamnesi completa ed esame fisico, con enfasi sull'esame con stetoscopio (auscultazione) del cuore e dei polmoni. Di particolare importanza è l'identificazione di suoni cardiaci anomali come soffi cardiaci o ritmi cardiaci irregolari (aritmia).
  • Di solito è necessaria una radiografia del torace (radiografia) per identificare l'allargamento del cuore, l'accumulo di liquidi nel polmone ed escludere alcune delle condizioni precedentemente menzionate che possono imitare l'insufficienza cardiaca.
  • La pressione sanguigna viene solitamente misurata. Questo viene fatto con lo speciale dispositivo che misura il flusso sanguigno, in modo non invasivo, attraverso le gambe. Sia i valori di pressione sanguigna alta che bassa di solito devono essere identificati in quanto entrambi possono verificarsi in pazienti con insufficienza cardiaca.
  • Un elettrocardiogramma (ECG) viene spesso ottenuto per identificare l'allargamento del cuore e determinare l'attività elettrica del cuore. L'elettrocardiogramma è un test non invasivo eseguito collegando piccoli elettrodi di contatto agli arti e al corpo.
  • L'esame ecografico del cuore (ecocardiogramma) può essere necessario per una diagnosi definitiva. Questo test non invasivo richiede apparecchiature sofisticate che creano onde sonore ad alta frequenza molto simili al sonar di un sottomarino. Viene creata un'immagine del cuore. L'ecocardiogramma è di solito il test di scelta per stabilire la diagnosi finale della causa dell'insufficienza cardiaca congestizia, ma questo esame può richiedere il rinvio a uno specialista.
  • Gli esami di laboratorio (di sangue) sono spesso raccomandati per valutare altre funzioni degli organi, come il rene, ed escludere l'anemia come fattore complicante. Questo può essere fondamentale per valutare l'effetto dell'insufficienza cardiaca su altri organi come i reni e per monitorare gli effetti del trattamento. In alcuni pazienti può essere raccomandato un esame del sangue per rilevare l'infezione da filaria.

    Il veterinario può raccomandare ulteriori test diagnostici per assicurare un'assistenza medica ottimale. Questi sono selezionati caso per caso. Gli esempi possono includere:

  • Esami del sangue specializzati come taurina nel sangue in caso di cardiomiopatia dilatativa.
  • Test della tiroide per escludere una funzione anormale della ghiandola tiroidea.
  • Emocolture in sospetta infezione delle valvole cardiache.
  • Studi Doppler, che sono un tipo speciale di ecocardiografia e spesso richiedono il rinvio a uno specialista. Doppler studia più accuratamente diagnosticati disturbi del flusso sanguigno.
  • La toracocentesi (drenaggio del liquido dal polmone) o la paracentesi addominale (drenaggio del liquido dalla cavità addominale) possono essere necessarie per fornire sollievo dal fluido in eccesso e determinare la causa dell'accumulo anomalo di fluido. I test sul fluido possono aiutare a determinarne la causa.
  • Trattamento approfondito di insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

    I principi della terapia per l'insufficienza cardiaca congestizia comprendono il miglioramento della funzione cardiaca, la prevenzione dell'accumulo di liquidi, la prevenzione dell'ulteriore deterioramento del muscolo cardiaco e sostanze chimiche e ormoni antagonisti prodotti in quantità eccessive nell'insufficienza cardiaca. Raramente è possibile "curare" le malattie cardiache. Le cause più importanti di insufficienza cardiaca nei cani sono la degenerazione valvolare e la cardiomiopatia (malattia del muscolo cardiaco). Il trattamento definitivo di solito richiede la sostituzione della valvola (che viene eseguita raramente nei cani) o il trapianto di cuore (non eseguito attualmente). L'insufficienza cardiaca causata dall'accumulo di liquidi nella sacca attorno al cuore (versamento pericardico) non è trattata con farmaci ma richiede invece il drenaggio del fluido o la rimozione di una porzione della membrana pericardica. I difetti cardiaci congeniti (problemi cardiaci presenti alla nascita) devono essere indirizzati a uno specialista per la gestione.

  • Il trattamento iniziale per insufficienza cardiaca può richiedere il ricovero in ospedale con un diuretico, ossigeno e altri trattamenti somministrati in ospedale. Possono essere somministrati farmaci vasodilatatori, come nitroglicerina o nitroprusside. In alcune forme di insufficienza cardiaca, può essere necessario l'uso di dobutamina o altri potenti stimolatori del muscolo cardiaco. L'accumulo di liquido intorno ai polmoni (versamento pleurico) può richiedere il drenaggio con un ago (toracocentesi).
  • Il trattamento di solito include un diuretico ("pillola d'acqua") come il farmaco furosemide (Lasix). I diuretici impediscono al rene di trattenere un eccesso di sale (sodio) e si produce acqua che porta ad un aumento del volume di urina. I diuretici sono generalmente prescritti per l'assistenza domiciliare per prevenire la ritenzione idrica. La dose deve essere sufficiente per prevenire la ritenzione idrica ma, allo stesso tempo, non può essere così elevata da causare insufficienza renale o perdita eccessiva di potassio.
  • Altri diuretici possono essere prescritti in pazienti selezionati. Ad esempio, lo spironolattone previene la ritenzione idrica e può proteggere il muscolo cardiaco per ulteriori danni nella cardiomiopatia dilatativa.
  • Un integratore di potassio può essere raccomandato in alcuni pazienti.
  • La maggior parte dei pazienti con insufficienza cardiaca cronica sono trattati con un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina come enalapril (Enacard) o benazepril. Enalapril, benazepril e farmaci correlati bloccano alcuni degli ormoni dannosi che circolano nell'insufficienza cardiaca, prolungano la vita e riducono i sintomi clinici nell'insufficienza cardiaca canina. Questa classe di trattamento farmacologico, a volte chiamata ACE-inibitori, previene anche la ritenzione di sale. Il dosaggio è fondamentale poiché questi farmaci possono abbassare eccessivamente la pressione sanguigna o portare a insufficienza renale.
  • La dieta può essere modificata per limitare l'assunzione di sodio e prevenire la ritenzione idrica. Ci sono diete specializzate disponibili per questo scopo, sebbene alcune diete senior abbiano anche un contenuto relativamente basso di sodio.
  • La digossina farmaco (Lanoxin; Cardoxin) è prescritta in alcuni pazienti. La dose di questo farmaco deve essere determinata in modo critico per prevenire effetti collaterali come perdita di appetito e vomito.
  • Gli integratori alimentari vengono utilizzati in alcune forme di cardiomiopatia. Gli aminoacidi taurina sono talvolta prescritti per la cardiomiopatia nelle razze di spaniel. La L-carnitina è talvolta raccomandata per il trattamento della cardiomiopatia dilatativa. Altri integratori alimentari, come la vitamina E e il coenzima Q10, sono raccomandati da alcuni ma non ci sono prove del loro beneficio nell'insufficienza cardiaca nei cani.
  • Sono necessari trattamenti speciali per alcune cause di insufficienza cardiaca. I farmaci antiaritmici sono usati per controllare il ritmo cardiaco. I beta-bloccanti, come metoprololo, propranololo o atenololo, possono essere prescritti per controllare la frequenza cardiaca, controllare le aritmie e proteggere il muscolo cardiaco. I bloccanti del canale del calcio, come il diltiazem o l'amlodipina, vengono utilizzati in alcune circostanze. I farmaci vasodilatatori diretti sono talvolta prescritti per cani con insufficienza cardiaca avanzata. Ci sono circostanze speciali per la raccomandazione di questi trattamenti e l'uso di alcuni di questi farmaci è meglio guidato da uno specialista.
  • Assistenza di follow-up per cani con insufficienza cardiaca congestizia (CHF)

    Il trattamento ottimale per il cane con insufficienza cardiaca congestizia richiede una combinazione di cure veterinarie domestiche e professionali. Il follow-up può essere critico. Somministrare i farmaci prescritti secondo le istruzioni e accertarsi di avvisare il veterinario in caso di problemi nel trattamento del cane. Le cure veterinarie di follow-up ottimale per l'insufficienza cardiaca spesso comportano quanto segue:

  • Esami regolari che includono un'intervista sui sintomi clinici e sulla qualità della vita. Preparati a rispondere a domande sull'attività del tuo cane, l'appetito, la capacità di dormire comodamente, la frequenza respiratoria e lo sforzo, la tosse, la tolleranza all'esercizio e la "qualità della vita" complessiva.
  • Porta con te le tue MEDICAZIONI per mostrare al tuo veterinario. Il dosaggio è fondamentale per i farmaci per il cuore.
  • La misurazione della pressione arteriosa viene spesso eseguita.
  • Gli esami del sangue per esaminare la funzionalità renale e gli elettroliti nel sangue sono di routine raccomandati.
  • Un test della digossina nel sangue deve essere eseguito periodicamente se viene prescritto quel farmaco.
  • Una radiografia del torace può essere necessaria per valutare i polmoni per il fluido.
  • Si consiglia un elettrocardiogramma in caso di aritmia cardiaca.